Come un sapone disattiva un virus

Un sapone è una molecola a catena lunga con una piccola testa; la catena lunga è compatibile con il grasso e la piccola testa è compatibile con l'acqua.

Il sapone è ionizzato, questo significa che la catena lunga e la piccola testa (ioni) si separano e mantengono le proprie cariche elettriche.

In un comune sapone domestico, la catena lunga rimane carica negativamente (anionica) e il piccola testa, solitamente sodio, rimane carica positivamente (Na+).

In un sapone di ammonio quaternario, avviene il contrario, la lunga catena rimane carica positivamente (cationica) e il piccola testa, solitamente cloruro, rimane carica negativamente (Cl-).

Il grande vantaggio dei saponi di ammonio quaternario è che la catena lunga positiva possiede una affinità per i grassi molto più elevata rispetto a un comune sapone. Per questo motivo, con una quantità molto minore di sapone di ammonio quaternario cationico, il grasso si dissolve.

Ecco come i saponi disattivano i virus.

Crédito dell'immagine : BBC

Conclusioni

La conclusione fondamentale è che qualsiasi sostanza che attacca lo strato di grasso disattiva i virus, ad esempio il cloro che si trova in liquidi come la candeggina, l'alcol, che è un solvente di grassi molto comune, e i saponi come appena spiegato.

Si dice disattivare un virus, e non uccidere, perché la comunità scientifica ritiene che un virus non sia un essere vivo, ma semplicemente una struttura chimica avanzata che, in certe condizioni, si replica.

Questa struttura è costituita da uno strato di grasso che protegge una miscela di RNA e proteine ​​che non svolgono alcuna funzione vitale.

A contatto con abbondante materiale organico, come quello che si trova all'interno di una cellula, queste molecole di RNA generano reazioni chimiche che replicano la loro struttura, cioè le duplicano più e più volte, danneggiando il tessuto cellulare e causando gravi danni al corpo in cui si trovano alloggiati.

Tuttavia, nessuna sostanza che disattiva un virus è adatta per essere applicata sulla pelle umana, in quanto la può danneggiare. La soda, potente detergente per WC e tubi di scarico, disattiva i virus, ma ustiona gravemente la pelle.

Con minore intensità il Cloro provoca lo stesso effetto dannoso, mentre l'alcol, essendo uno sgrassante, rimuove il grasso naturale dalla pelle seccandola e il suo uso continuo provoca crepe dovute all'eccessiva secchezza.

I quaternari di ammonio di 4a e 5a generazione sono stati creati per essere delicati con la pelle umana. Le prime tre generazioni sono state utilizzate e sono ancora utilizzate per igienizzare, ma non sono consigliate per un uso continuo e la loro comune applicazione è solo su superfici come pareti e tavoli da sala operatoria, strumentazione chirurgica, cateteri, laringoscopi ecc.

Per quanto riguarda l'efficacia, l'alcol agisce solo fintanto che è presente. In un gel per le mani, per esempio, per 10-20 secondi al massimo, già che quando evapora, la sua azione disinfettante termina. Distrugge virus e batteri fintanto che è presente, ma quando evapora smette di agire e non fornisce protezione posteriore.

I quaternari dell'ammonio, invece, non evaporano perché hanno punti di ebollizione molto alti, ed essendo compatibili con la pelle, vi rimangono fino a 2 o 3 ore in caso di inattività o, se si toccano oggetti, il tempo di azione è ridotto a un minimo di 10 minuti.

Per tutto ciò che è stato appena esposto, i prodotti ideali da applicare sulla pelle umana per la disinfezione sono i quaternari di ammonio di 4a o, meglio, 5a generazione, sostanze create appositamente per questo, in gel, in forma liquida o in aerosol.

Link di interesse :

Perché il sapone è il killer perfetto per il nuovo coronavirus
https://www.galileonet.it/sapone-killer-coronavirus/

 

Regresar al menú

Nasacoat de México SA de CV - email : team@nasacoat.com - Tel.: +52 33 3696 1051

© 1998 - 2021 - Discovery Internet Inc. - Website Tutorial